Cerca
  • Davide Barbarino

Nati in cattività

Nati in cattività Appena riassegnati al nostro tempo autonomo Veniamo immobilizzati dall’atavica paura degli spazi aperti E subito vogliamo ritornare nelle nostre gabbie - Preferiamo prestarci al circo della loro sicurezza che morire liberamente - L’epopea eroica è finita da così tanto tempo che non siamo più in grado di immaginarla - Sembra che il gene dell’asservimento non lasci prevedere alla maggioranza la deriva tecnocratica alla quale andiamo incontro La guerra (così la chiamano) al virus appare come il perfetto tarlo per il definitivo smembramento - Il potere è il virus più pericoloso e al contempo il più difficile da estirpare Non dimentichiamo allora di affilare le nostre armi critiche smantellando in maniera (in)operosa questa impalcatura di ansia e terrore eretta dall'aristocrazia finanziaria che al collo un cappio ci vuol legare -

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Notre Nazì: un film di Robert Kramer

robert kramer: notre nazì (il nostro nazista o il nazista in noi?) - ecco dove comincia il cammino verso l'infanzia, la sua infanzia, la nostra stessa infanzia, l'infanzia di una storia che non rico

Ecco la solitudine della pagina bianca

ecco la solitudine della pagina bianca inflitta nel silenzio della quieta stanza al riparo da un (im)mondo infetto aprire il varco che mi è stato interdetto

 © Davide Barbarino 2018/2020            

davidebarbarino | soundart